Cerchiamo di scoprire quali sono le affinità fra l’assunzione di determinate vitamine e la salute dei nostri capelli.

I capelli sono le estremità pilifere che crescono sulla cute del cranio umano. Sono costituiti da proteine solide, come la cheratina e la melanina (che conferisce il colore al capello), in una percentuale compresa fra il 65 e il 95%, e per il resto da acqua, lipidi, pigmenti e oligoelementi. Si formano già nel quarto mese di vita fetale e crescono a una velocità di circa 0,3 mm al giorno. Il capello è soggetto a un ciclo di crescita della durata di 2-6 anni e, insieme alle unghie e alla barba, è l’unica parte del corpo che cresce continuamente durante il corso della vita.

Prendersi cura dei capelli significa innanzitutto trattarli con delicatezza, utilizzare rimedi naturali e nutrienti, curando nel contempo con attenzione la propria alimentazione per un corretto apporto di vitamine.

VITAMINE IDROSOLUBILI

Le vitamine idrosolubili (che si sciolgono in acqua) sono quelle del gruppo B e la vitamina C.  Queste vitamine vengono assorbite tramite l’acqua, per cui il nostro organismo non è in grado di farne delle scorte (è necessaria, dunque, un’assunzione costante) e non si possono avere effetti da sovradosaggio.

Le vitamine del gruppo B, in generale, aiutano a mantenere i capelli in buone condizioni di salute. Una carenza grave di vitamina B comporta capelli grassi, forfora, capelli spenti e calvizie; fonti di vitamina B sono i fagioli, le uova, le verdure in genere, i cereali integrali e le alghe. Tra le vitamine del gruppo B si ricordano:

  • vitamina B1: vanta un potere energizzante del cuoio capelluto;
  • vitamina B2 (riboflavina) e B5 (acido pantotenico): danno lucentezza ai capelli sfibrati e sono usate contro le doppie punte;
  • vitamina B3 (vitamina PP o niacina): agisce con proprietà ristrutturante sulla capigliatura;
  • vitamina B6 (piridossina): una sua carenza determina atrofia dei follicoli piliferi e ipercheratosi, i capelli quindi non crescono come dovrebbero;
  • vitamina B8 (vitamina H o biotina): sembra stimolare la crescita del capello e prevenirne la perdita. Tale vitamina permette la produzione di cheratina, favorendo così il rinnovo e la crescita dei capelli, contribuendo a limitare la comparsa dei capelli bianchi e a rafforzare la chioma;
  • vitamina B9 (acido folico): una sua carenza provoca una minore ossigenazione del cuoio capelluto e un rallentamento nella crescita dei capelli. Questo si traduce nella formazione precoce dei capelli bianchi e nella caduta dei capelli;
  • vitamina B12 (cobalamina): ossigena il bulbo pilifero a vantaggio di una crescita sana del capello.

La vitamina C favorisce la circolazione del sangue al cuoio capelluto e ai follicoli: per questo motivo potrebbe accelerare la ricrescita dei capelli. É onnipresente nella frutta e nella verdura, in particolare in limoni, arance e carote.

VITAMINE LIPOSOLUBILI

Le vitamine liposolubili sono quelle vitamine che per essere assimilate devono essere assunte insieme ai lipidi e grazie a questa caratteristica sono accumulabili nell’organismo. Il sovradosaggio è difficile da raggiungere, ma è comunque un rischio da non sottovalutare, in quanto può causare fragilità dei capelli e tendenza alla caduta.

  • La vitamina A (retinolo) vanta proprietà benefiche per il capello, perché lo nutre in profondità ed aiuta a prevenirne l’invecchiamento. Questa vitamina, inoltre, rafforza il sistema immunitario. Una carenza di vitamina A può provocare forfora e capelli secchi, conseguenza di una disidratazione e di un ispessimento del cuoio capelluto e di accumulo di sudore superficiale. Carote, cavoli, zucche, broccoli sono preziosa fonte di questa vitamina.
  • La vitamina E è un potente antiossidante che aumenta l’assorbimento di ossigeno nelle cellule del corpo. La sua azione antiossidante serve per garantire la salubrità generale dei capelli. Si trova soprattutto negli oli vegetali, nel germe di grano, nelle mandorle, nelle nocciole, nelle arachidi, nelle noci, nel prezzemolo, nelle carote e negli spinaci, oltre che nelle verdure a foglia verde scuro, nei frutti di bosco, nei pomodori e in tutta la frutta dalla buccia di colore giallo o arancio.
  • La vitamina D e la vitamina K partecipano indirettamente alla salute dei capelli. La prima è presente nel pesce, nelle uova, nel latte, nel burro, nel fegato e nei grassi animali, nei cereali e nelle verdure verdi; la seconda in ortaggi a foglia verde, nei fagioli, nelle olive, nella soia, nella carne, nei cereali e nei prodotti caseari.
  • La vitamina F (acidi grassi essenziali-omega 3 e omega 6) aiuta il capello a mantenersi morbido, forte e resistente e una sua carenza rende i capelli secchi e sfibrati. Si trova in molti oli, nei semi oleosi, nella frutta oleosa, nella lecitina di soia, nei ribes, nel pesce, nelle noci, nei pistacchi e nelle mandorle.
  • La vitamina N (acido lipoico) e la vitamina Q (ubichinone) difendono i capelli dai radicali liberi e contrastano l’invecchiamento della cute e del cuoio capelluto. La prima si trova principalmente in patate, broccoli, spinaci, e carni rosse; la seconda in carni rosse, pesce, semi, qualche ortaggio, fragole e arance.

In conclusione..

L’assunzione di queste vitamine, soprattutto attraverso una sana e corretta alimentazione, sembra garantire la salute e la bellezza della nostra chioma andando ad agire in maniera positiva anche nel resto del nostro organismo.