COSA SONO E CHE IMPORTANZA HANNO

Le capacità coordinative si riferiscono alla possibilità di un individuo di organizzare, adattare, controllare e regolare il movimento. Esse sono strettamente legate allo sviluppo del sistema nervoso centrale. L’allenamento di queste capacità garantisce la maturazione di abilità che determinano il miglioramento dell’organizzazione, dell’adattamento e della regolazione del movimento.

A queste capacità viene attribuita la denominazione di prerequisiti funzionali siccome la loro espressione è estremamente legata alla funzionalità delle strutture senso-percettive. La coordinazione quindi, risulta la concretizzazione esterna di funzioni del sistema nervoso centrale. Quest’ultimo viene influenzato da due fattori importanti:

  • la dotazione genetica individuale;
  • le modificazione indotte dall’ambiente esterno.

La coordinazione raggiunge il suo massimo sviluppo fra i 7 e gli 11 anni. In questo periodo, durante la realizzazione di un’azione motoria, il cervello deve essere in grado di risolvere nel minor tempo possibile un serie molto ampia di problemi. Inoltre questa tipologia di capacità costituisce un elemento a dir poco indispensabile per l’apprendimento e lo sviluppo delle abilità tecniche. Una capacità coordinativa molto sviluppata consente di eseguire gesti motori funzionali, rapidi, precisi, economici ed espressivi. 

NEL DETTAGLIO

Le capacità coordinative si distinguono in generali e speciali. Entrambe, secondo numerosi studi, vengono considerate la base della motricità sportiva.

Le capacità generali sono:

  1. Capacità di apprendimento motorio (apprendere delle esperienze, informazioni e schemi che costituiscono la base per nuovi apprendimenti);
  2. Capacità di controllo (organizzare il movimento al fine di eseguire correttamente l’azione desiderata);
  3. Capacità di adattamento e trasformazione (modificare il programma motorio, attraverso un adattamento delle precedenti capacità).

 

Esse costituiscono la base fondamentale per l’apprendimento delle capacità speciali. Quest’ultime infatti, durante la loro realizzazione, richiedono sempre un alto sviluppo delle capacità generali sopracitate. Le capacità speciali si distinguono in diverse tipolgie:

  1. Capacità di accoppiamento e combinazione dei movimenti;
  2. Capacità di equilibrio;
  3. Capacità di differenziazione dinamica;
  4. Capacità di differenziazione spazio-temporale;
  5. Capacità di ritmizzazione;
  6. Capacità di reazione;
  7. Capacità di anticipazione;
  8. Fantasia motoria.

 

Le capacità coordinative, generali o speciali che siano, nei bambini di età compresa fra i 7 e gli 11 anni vanno continuamente stimolate e potenziate. Come tali è necessario ricordare come più fattori portino lo sviluppo di una capacità piuttosto che un’altra. L’importante è mantenere lo stimolo costante e attivo nel tempo. Una loro carenza, infatti, può causare dei ritardi dello sviluppo motorio difficilmente recuperabili.