INTRODUZIONE

L’organismo umano si affatica sistematicamente quando è sottoposto all’applicazione di un carico correlato alle sue capacità di prestazione fisica. Si può affermare che quanto più grande è lo stimolo, tanto maggiore è la rapidità con la quali si raggiunge lo stato di affaticamento. Viceversa, quando lo stimolo è debole, lo stato di affaticamento si raggiunge più tardi. Per poter governare questi processi nel miglior modo possibile è necessario approfondire la conoscenza dei fattori che determinano e condizionano le diverse situazioni d’allenamento. Gli elementi del carico fisico sono:

  • Durata;
  • Volume o quantità;
  • Intensità;
  • Frequenza o densità.

DURATA DEL CARICO

Questo elemento identifica il tempo di applicazione del carico fisico. Questo dato ha un valore relativo che invece assume un’importanza fondamentale per poter calcolare il valore della densità del carico stesso.

VOLUME DEL CARICO

Si intende la quantità del lavoro effettuato. Questa definizione fa riferimento a diversi aspetti:

  1. al numero delle sedute;
  2. al numero di ore di lavoro;
  3. al numero degli esercizi effettuati;
  4. al numero delle serie e delle ripetizioni delle diverse esercitazioni realizzate.

Questo parametro è fondamentale ai fini della variazione del carico nell’ambito della periodizzazione dell’allenamento. Rappresenta un indicatore caratteristico anche delle finalità dell’attività sportiva praticata.

INTENSITÀ DEL CARICO

L’elemento intensità identifica il livello di impegno con il quale viene agito un carico. Secondo le particolari caratteristiche di uno sport e delle esercitazioni specifiche, l’intensità viene espressa utilizzando la corrispondente unità di misura. Ad esempio le velocità di un movimento o la percentuale d’impegno. Tale modalità permette la quantificazione del parametro e facilita la registrazione numerica del dato di riferimento.  La modulazione di questo fattore può determinare, sul piano fisiologico, una diversa modalità di utilizzazione dei processi bioenergetici e, di conseguenza, l’induzione di corrispondenti adattamenti organici.

DENSITÀ DEL CARICO

Viene identificata come il rapporto tra il volume e il tempo di applicazione del carico. Può, altresì, essere definita come il livello di concentrazione del carico nel tempo, evidenziandosi come un rapporto tra lavoro e tempi di recupero. Se la stessa quantità di carico viene applicata in allenamento di durata inferiore, la seduta sarà più intensa. In realtà. essendo un parametro derivato, la densità, piò fare riferimento anche all’intensità. Perciò possiamo avere sedute di allenaemento più o meno dense che, in una linearità di proporzionalità inversa, possono risultare più o meno intense.

 

La determinazione e la rilevazione di questi parametri sono indispensabili per stabilire lo sforzo compiuto e le conseguenti variabili, che devono essere sempre riferite alle capacità individuali dell’atleta.

 

 

 

 

Per la migliore nutrizione ed integrazione in commercio.

Codice sconto alla cassa: PECILE10