Cos’è l’erba di grano? Quali sono le sue proprietà?

Definizione

Il wheatgrass, in italiano erba di grano, è frumento germogliato da 20 giorni, che ha numerose proprietà benefiche disintossicanti, depurative e antinvecchiamento, confermate addirittura dall’American Cancer Society.

Approfondiamo

È un alimento ricco di vitamine (A, beta-carotene, B1, B2, B6, B12, PP, C, E), minerali (calcio, ferro, fosforo, rame, magnesio, potassio, zinco), acido folico e pantotenico, bioflavonoidi, antiossidanti, amminoacidi essenziali, sali minerali, enzimi e clorofilla. Quest’ultima è un vero toccasana per il nostro corpo; infatti, la sua azione purificante aiuta a mantenere in equilibrio il Ph del corpo, o a riequilibrarlo, nonché a rinforzarlo con tutti nutrienti necessari per esempio a ringiovanire le cellule e a eliminare le tossine.

Gli aminoacidi e gli enzimi, invece, sono responsabili del rinnovamento delle cellule e partecipano a un gran numero di funzioni, come ad esempio la capacità di neutralizzare e digerire le tossine. Inoltre, l’erba di grano stimola il metabolismo e migliora i processi digestivi, tramite l’attivazione della flora batterica intestinale.

Tra i benefici non bisogna dimenticare il rafforzamento del sistema immunitario: infatti, fornendo al corpo tutti i nutrienti necessari, è in grado di colmare tutte le carenze nutrizionali che la dieta moderna comporta, in particolare in chi mangia poca verdura, evitando così l’insorgere di alcune malattie o facilitando la guarigione.

Riassumendo, in particolare l’erba di grano:

  • dà maggiore resistenza alla fatica fisica e mentale;
  • migliora la fertilità;
  • drena il sistema linfatico da tossine e residui di farmaci, purificando il sangue;
  • distrugge i radicali liberi, sostanze coinvolte nell’invecchiamento cellulare e nei processi di degenerazione di diverse malattie. Il processo d’invecchiamento procede dunque più lentamente;
  • disintossica gli organi, alcalinizza i tessuti e ha proprietà antinfiammatorie (contrasta e riduce il cancro);
  • rinforza il sistema immunitario fornendoci uno scudo di nutrienti per proteggerci da virus e batteri, inoltre contrasta la proliferazione degli agenti patogeni e delle sostanze potenzialmente cancerogene;
  • facilita la digestione, riattiva la flora intestinale, combatte la stitichezza, migliora il metabolismo, allevia le ulcere peptiche, la colite ulcerosa, la costipazione, la diarrea e gli altri disturbi gastrointestinali;
  • rimuove i calcoli (reni e cistifellea) e i depositi di calcio nel corpo;
  • regolarizza il ciclo mestruale;
  • stimola la ghiandola tiroidea;
  • riequilibra il tasso di vitamina B12 nei vegetariani e nei vegani;
  • supporta le diete (assunta 30-40 minuti prima del pranzo, riduce l’appetito);
  • fornisce il pieno di vitamine, enzimi e minerali, colmando le carenze nutrizionali e combattendo naturalmente l’anemia;
  • ossigena il sangue e i tessuti rendendola ideale per gli sportivi.

 

La Dottoressa Ann Wigmore (1909-1994) è ritenuta la pioniera dell’utilizzo dell’erba di grano. In cattive condizioni di salute, ha iniziato a guarire se stessa con il succo di erba di grano, sperimentando in prima persona gli effetti benefici di questa sostanza. Ha, inoltre, scritto il libro “Erba di Grano: Tutto quello che devi sapere su: come coltivarla – le ricette – i benefici per la salute – le proprietà ringiovanenti” dove fornisce tantissimi consigli su come coltivarla ed usarla.

In seguito, nel 1999 il giovane cuoco di Chicago Charlie Ayers, quando venne assunto dalla neoazienda Google, introdusse l’erba di grano nella mensa per i suoi dipendenti. Ayers voleva infatti trovare alimenti che stimolassero le giovani menti creative e creò per loro degli shortini da bere tutto d’un fiato, che ebbero subito un successo dilagante anche al di fuori dell’azienda.

In commercio l’erba di grano si può trovare sotto diverse forme: in polvere, liofilizzata, in compresse o già pronta da bere, imbottigliata come una qualsiasi bevanda. È possibile anche autoprodurla.

Realizzare in casa una mini-produzione di erba di grano è possibile grazie al fatto che ha bisogno di poco spazio e poche ma costanti attenzioni. L’erba di grano può crescere ovunque, da un vaso a una comune tazza o un vassoio, e non ha necessità di essere esposto all’aperto.

L’erba di grano, così come i germogli di grano, non è indicata a chi è intollerante al frumento, mentre può essere tranquillamente assunta dai celiaci perché il glutine, durante la germinazione, viene scisso dagli enzimi nei singoli amminoacidi.

Non esistono controindicazioni al consumo quotidiano di erba di grano biologica né interazioni note con farmaci o malattie: è un alimento naturale e sicuro. Di conseguenza, relativamente ai bisogni soggettivi di ognuno di noi e le relative dosi, è un prodotto che può essere integrato anche quotidianamente.